martedì 28 aprile 2009

Anzio: Concerto della Memoria “PAUL ROBESON, l’oscura voce della Libertà”, 5 maggio.

In data 5 maggio 2009 alle 10,30 presso la Sala degli Specchi del Paradiso sul Mare di Anzio, l’IPSSAR “M. G. Apicio” presenta il Concerto della Memoria “PAUL ROBESON, l’oscura voce della Libertà”, curato dall’Associazione culturale Antonio Cotogni di Roma diretta da Rosa Rodriguez, sotto il patrocinio della Presidenza della Repubblica. La musica di Paul Robeson canta l’impegno a favore dei diritti umani, contro ogni forma di razzismo e indifferenza. Le problematiche del mondo contemporaneo e rendono particolarmente attuale questo artista che attraverso la musica educa alla condivisione e alla solidarietà invitando ciascuno di noi a vedere nel “diverso” una risorsa e non una minaccia. L’IPSSAR “M. G. Apicio” di Anzio da anni coniuga l’impegno formativo professionale con l’impegno educativo delle nuove generazioni nel riconoscimento e nella promozione dei diritti umani attraverso la partecipazione a progetti istituzionali e l’organizzazione di eventi culturali di rilevante interesse per l’Istituzione Scolastica e per il territorio.

Anzio: Presentazione di due eventi enogastronomici il 7 maggio.

Presso il ristorante “Flora” in Via Flora 9 Anzio - tel. 069846001 - 3397830405, giovedì 7 maggio alle ore 17:30 si svolgerà una conferenza stampa organizzata dall’Associazione Ristoratori di Anzio. Durante l’incontro con la stampa saranno presentante due importanti iniziative eno-gastronomiche tipiche del luogo tese ad incrementare l’interesse degli avventori nei confronti dei prodotti ittici locali e della cucina tradizionale anziate che può vantare una tradizione millenaria. Tra gli impegni enogastronomici futuri dei Ristoratori Anziati vi è anche quello di caratterizzare alcuni piatti con uno speciale marchio DOP ( origine controllata protetta) che stabilisca l’origine del pescato, la qualità del pescato, la qualità dell’olio, delle farine e di altri ingredienti utilizzati per la cottura della pietanza. Sarà inoltre presentata alla stampa la locandina che ristoratori, aderenti all’iniziativa, esporranno all’esterno dei propri locali. Ricordiamo che il pesce pescato nel tratto di mare delle nostre coste, per il particolare habitat, è considerato tra i migliori d’Italia. “Numerosi ristoranti del nord – afferma il presidente dell’Associazione Ristoratori Rodolfo Tamburello- con orgoglio indicano nei loro menù la città di Anzio come luogo di provenienza del pescato”. Al termine della conferenza stampa l’Associazione Ristoratori offrirà un aperitivo a tutti i colleghi giornalisti che interverranno alla presentazione dei due eventi culinari che andranno a caratterizzare i mesi di maggio e giugno.

Anzio: Rassegna di poesia “La parola e l’estro”, 02-27 maggio.

Sabato 2 maggio 2009, presso la Sala degli Specchi del Palazzo “Paradiso sul mare” in Anzio, si inaugura la rassegna “La parola e l’estro”, 4 incontri con la scrittura poetica. Ad aprire la rassegna sarà Rocco Paternostro con le sue 7 Visioni, Lithos editrice. Il testo sarà presentato da Francesca Bernardini e Aldo Mastropasqua, dell’Università degli Studi di Roma «La Sapienza». Letture dell’attore Giuseppe Valentini Malavolti e dell’attrice Elisabetta Becattini. Musica di Carlo Bruno (chitarra). Il secondo incontro, previsto per domenica 17 maggio, proporrà con Dell’Ombra e del blé, la scrittura poetica di Ugo Magnanti. Interverranno i poeti Francesco De Girolamo e Agostino Raff. Letture dell’autore e del poeta Luca Pietrosanti. Mercoledì 20 maggio sarà la volta dei Condomini poetici di Vito Riviello, con la sua produzione complessiva del nuovo millennio. Interverranno con l’autore, Rino Caputo, preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Roma «Tor Vergata», e il poeta Enrico Pietrangeli. Letture della poetessa Lidia Riviello. Mercoledì 27 maggio, Gabriella Sica chiuderà la rassegna con la sua ultima opera, Le lacrime delle cose, Moretti & Vitali editori. Interverranno Angelo Fàvaro dell’Università degli Studi di Roma «Tor Vergata», e la poetessa Lucianna Argentino. Tutti gli incontri si terranno a partire dalle ore 18.00, e saranno coordinati da Eugenio Bartolini, direttore dall’Università Popolare di Roma, sedi di Anzio e Nettuno, ente che ha promosso la manifestazione col patrocinio della Città di Anzio, Assessorato alle politiche culturali. Collaborazione delle Librerie “Misteri” di Nettuno. Settore: cultura. Poesia: Rocco Paternostro, Ugo Magnanti, Vito Riviello, Gabriella Sica. Tipo di evento: rassegna di poesia “La parola e l’estro”. Data: 02/05/2009 – 27/05/2009 ore 18.00. Presso il “Paradiso sul Mare”, Sala degli Specchi (ingresso inferiore), Riviera Zanardelli n° 2, Anzio. Info: mailto: laparolalestro@yahoo.it. Ingresso gratuito.

domenica 26 aprile 2009

ANZIO: “NOI...ANGELI PER UN GIORNO” IL 3 MAGGIO ALLE 17:00.


La manifestazione “NOI...ANGELI PER UN GIORNO” si svolgerà in quel meraviglioso posto che è il Paradiso sul Mare di Anzio, domenica 3 maggio, dalle ore 17:00. L'intento è quello di raccogliere fondi per la sezione della Croce Rossa di Anzio, precisamente per l'acquisto di una cardiolina pediatrica. Ci sarà in vendita il libro “In equilibrio…sulle ali di un angelo” di Lilia Salvini, un meraviglioso inno alla vita, che parla della sclerosi multipla, e le magliette con il titolo della manifestazione, NOI...ANGELI PER UN GIORNO. L'apertura della manifestazione è affidata ai bambini che, con la loro innocenza, stupiranno i presenti. Ad un anno dall'uscita del libro, l’autrice risponderà liberamente alle domande del pubblico trattando con delicatezza la questione e spiegando sul come si può continuare a sorridere, anche convivendo con una patologia "scomoda", qual è la sclerosi multipla. Interverranno anche le Autorità locali, e la coordinatrice nazionale della formazione della Croce Rossa, che, è stata presente anche lo scorso anno, in occasione della presentazione del libro. La manifestazione si terminerà, con un piccolo aperitivo, che, tempo permettendo, sarà offerto sulla splendida terrazza del Paradiso sul Mare. Durante la serata Lilia, insieme a tanti amici, sarà a cena al ristorante "La taverna del molo" ad Anzio, che, per l'occasione proporrà un menu ad un prezzo conveniente.

Anzio: Festa del Teatro












La Festa regionale del Teatro, che si è svolta ad Anzio, il 18 e 19 aprile 2009, ha portato nella città neroniana una ventata di cultura proveniente da tutto il Lazio e non solo. Durante il pomeriggio del 18 si sono svolti 2 laboratori: uno sulla commedia dell'arte e l'uso delle maschere, l'altro di doppiaggio; ambedue i laboratori sono stati tenuti da professionisti del settore. Contemporaneamente una quarantina di persone si sono recate con navetta e guide, messe a disposizione dal Comune, a visitare i siti storici: la Villa di Nerone, il museo archeologico, il museo dello sbarco. Nella grande sala conferenze, dell’Albergo dei Cesari, durante la serata, sono stati assegnati numerosi premi. La pioggia ha fatto purtroppo saltare la visita al parco naturale di Tor Caldara prevista per il 19 mattina, ma non ha impedito ad alcuni intrepidi di fare un’interessante e gustosa visita all'azienda vinicola “Divina Provvidenza” di Nettuno, dove gli ospiti della festa sono stati accolti con calore e cortesia. Si può affermare che la festa è finita con un brindisi, speriamo di buon auspicio, e che ha lasciato un buon ricordo del territorio agli ospiti della rassegna. I premi assegnati sono stati due per quanto riguarda la mostra di foto e locandine allestita durante la festa ed a cui hanno partecipato anche alcune compagnie non affiliate alla F.I.T.A., provenienti da Anzio e Nettuno. Ben dodici premi sono stati assegnati riguardo al videofestival "Premio Colosseo". Presidente della giuria del "Premio Colosseo" è stata Ivelise Ghione (del Teatro Ghione di Roma, attrice e autrice), ospite d'onore, che ha consegnato i due premi (alle foto e locandine); il Premio Colosseo per il miglior spettacolo e miglior regia, è stato consegnato ai vincitori dal regista cinematografico Fausto Brizzi (regista di “Notte prima degli esami”). Altri ospiti illustri: Fiammetta Fiammeri, presidente COEPTA e fino allo scorso anno presidente nazionale F.I.T.A. e la presidente dell’AGIS Scuola, Luciana Della Fornace. I Premio Colosseo (miglior spettacolo e miglior regia) sono stati vinti dalla compagnia "Carpe Diem" di Roma, per lo spettacolo "Tutti uguali? No grazie". La compagnia “Arte Povera” di Anzio, ospitante la festa, ha ricevuto in questo concorso tre nomination: per la migliore locandina ("Nu mese 'o ffrisco"), miglior attore protagonista Luigi Grande e miglior attore non protagonista: Francesco Bianco. Per quanto riguarda il concorso locandine e foto, organizzate durante la festa sono andate in nomination le seguenti locandine: “Prova di regia” della Compagnia “La Rive Gauche” di Roma, “Pronto ...6 e 22?” della compagnia “Arte Povera” di Anzio ed “Addio mondo crudele” della compagnia “I sani da legare” di Tivoli. Alla fine il premio è stato assegnato alla compagnia anziate con la locandina "Pronto ...6 e 22?", ritirato dalla regista Alessandra Brignone. Per il concorso fotografico le tre nomination sono andate a: "Sonno" di una notte di mezza estate” della compagnia “Punto e Virgola”, “Addio mondo crudele”, della compagnia “I sani da legare” e “Kursaal” della compagnia “Palcoscenico BNL”; vince il premio quest’ultima compagnia. La manifestazione ha avuto il Patrocinio del Comune di Anzio, rappresentato dall’assessore alla cultura, Umberto Succi, che ha donato al presidente del Comitato Regionale F.I.T.A. Lazio, Enzo Ardone, il volume “Storia di Anzio” di Clemente Marigliani. Un ringraziamento alla compagnia “Terra di Enea” di Anzio per la perfetta organizzazione, ed agli sponsor “Giannotto” di Valmontone ed allo studio commercialista “Giordano” di Roma. Buon teatro a tutti! Info: www.fitalazio.it

Anzio ha celebrato la Festa della Liberazione.






Abbiamo celebrato in questo 25 aprile 2009 i sessantaquattro anni da quando è finita, con la vittoria, la lotta per la libertà contro il fascismo. La proclamazione dei Diritti dell'Uomo delle Nazioni Unite, che risale al dicembre del '48, ha un incipit, un avvio splendido, perché all’articolo 1 si legge: "Tutti gli esseri umani nascono liberi con la loro dignità, con la pienezza dei loro diritti". Il termine che più colpisce è proprio "nascono”, infatti, esso implica che l'essere umano non deve dire grazie a nessuno se nasce eguale agli altri, egli è titolare dei diritti primari, è libero, con la pienezza della sua dignità. E’ sempre l’uomo che, nascendo libero, può privare altri uomini della loro libertà ed essi con il loro sangue ed il loro sacrificio hanno saputo riconquistarla. Questo è il significato più pieno del 25 aprile del 1945, quando ci fu la conclusione della guerra contro il fascismo ed il nazismo. La città di Anzio, come ogni anno, ha celebrato la Festa della Liberazione in Piazza Garibaldi deponendo una corona al monumento dei Caduti. La cerimonia è iniziata in tarda mattinata, alla presenza dei Sindaci di Anzio e Nettuno, del vice comandante del Co.T.I.E. generale Giuseppe Santomartino, delle autorità militari e civili e delle associazioni combattentistiche e d’armi. Per la prima volta alla cerimonia di Anzio era presente anche l’A.N.P.I. E’ stato osservato un minuto di silenzio in ricordo delle vittime del sisma abruzzese, poi ha preso la parola il partigiano Mario Battistini con un pensiero ai caduti per la resistenza, a seguire il sindaco Bruschini che ha ricordato quanti si sono sacrificati per la nostra libertà e che non devono mai essere dimenticati. La banda musicale “Città di Anzio” ha fatto da colonna sonora all’evento, mentre il picchetto d’onore è stato fornito dal Reparto Supporti del Co.T.I.E. agli ordini del caporale maggiore capo Francesco Ingrande. La bella giornata di sole ha riempito Piazza Garibaldi di cittadini che hanno applaudito a tutta la cerimonia. Da segnalare la deposizione di una corona anche da parte dei militanti di Rifondazione Comunista al monumento ai Caduti.
video

venerdì 24 aprile 2009

Anzio: Marco Del Villano nuovo assessore Politiche della Scuola.


Nella mattinata del 23 aprile, il sindaco di Anzio, Luciano Bruschini, ha nominato il nuovo Assessore alle Politiche della Scuola ed Edilizia Scolastica. L’incarico è stato conferito al Consigliere, Marco Del Villano (PDL), 48 anni funzionario di Finmeccanica, al posto del quale subentrerà, a partire dal Consiglio Comunale di martedì prossimo, il primo dei non eletti Giulio Godente (PDL). “Buon lavoro al nuovo Assessore – dice il Sindaco di Anzio, che ho chiamato a ricoprire un ruolo particolarmente delicato, come quello delle politiche della scuola, in un settore nel quale intendiamo investire risorse e che sarà al centro dell’azione dell’Amministrazione. Ringrazio il Sindaco Bruschini – dice il neo Assessore alle Politiche della Scuola ed Edilizia Scolastica, Marco Del Villano - per la fiducia e tutti i consiglieri comunali della maggioranza dai quali mi aspetto un contributo positivo ed un supporto nell’azione amministrativa. In questo momento importante, per il mio percorso politico, ritengo doveroso ricordare l’importante lavoro portato avanti, nei precedenti dieci anni, dalla dottoressa Gregoretti il cui positivo operato animerà la mia azione al servizio della Città e delle scuole del nostro territorio”.

giovedì 23 aprile 2009

Polemiche sul porto di Anzio.

A questo punto è ancora più chiaro che la Regione Lazio fa realizzare porti ovunque tranne che ad Anzio”. Il senatore del Pdl, Candido De Angelis, interviene dopo che ieri è stato annunciato l'accordo di programma tra Comune di Latina e Regione sulla realizzazione di un approdo a Foce Verde. “E' senza dubbio un fatto positivo, i porti sono una necessità e mi fa piacere per Latina, la cosa che stona è un'altra: ad Anzio alla fine di un iter corretto e trasparente si muovono inesistenti questioni procedurali, altrove non ci si pongono problemi di sorta”. A tale riguardo il senatore ricorda di aver presentato un'interrogazione parlamentare sulle procedure seguite per gli ampliamenti o la realizzazione di porti a Civitavecchia, Fiumicino e Formia, dove la Regione non ha sollevato alcuna questione. “A questo punto – ha aggiunto il senatore – farà bene il sindaco di Anzio a chiedere l'accesso agli atti come ha già fatto per Formia e Fiumicino. Anzi, è ora di sapere se quegli atti sono arrivati o meno e di regolarsi di conseguenza. Il sindaco deve difendere gli interessi della città senza indugi”. Infine De Angelis ribadisce: “I porti vanno fatti ma se si vuole deliberatamente bloccare lo sviluppo di una città come Anzio per questioni procedurali smentite da ogni altro organo e per ragioni che ancora oggi mi sfuggono, sono pronto a rivolgermi anche alla magistratura affinché si capisca una volta per tutte quali sono gli interessi su altre realtà e perché la Regione boccia Anzio”.

mercoledì 22 aprile 2009

Le politiche sociali ad Anzio.

“Prima dell’estate, nell’ambito dei Piani di Zona distrettuali, contiamo di partire con l’assistenza domiciliare educativa (ADE) rivolta ai minori che si trovano in condizioni di svantaggio socio-culturale. L’innovativo servizio garantisce, in relazione ai bisogni del minore e della famiglia nel quale è inserito, un insieme di prestazioni integrate secondo piani individuali pianificati di concerto tra le diverse istituzioni territoriali come i Comuni, le ASL, le Scuole e le Associazioni del Terzo Settore”. Lo ha detto l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Anzio, Italo Colarieti, in riferimento allo stato di attuazione dei Piani Sociali di Zona, per il distretto Anzio/Nettuno, approvati dalla Giunta Comunale lo scorso mese di ottobre. Dal febbraio del 2006 è attivo il servizio di assistenza domiciliare integrata (ADI), rivolto agli anziani ed ai diversamente abili che hanno la necessità di prestazioni socio-sanitarie continuative nel proprio “ambiente di vita”. Ad oggi gli utenti che usufruiscono dell’ADI sono 220, ma da quando è stato attivato il servizio oltre 500 persone hanno avuto accesso agli interventi domiciliari per periodi più o meno lunghi. “Entro il 2009 – continua l’Assessore Colarieti –, attraverso il lavoro degli uffici che ringrazio per il positivo impegno profuso, intendiamo avviare il servizio di assistenza domiciliare sociale agli anziani (SAD) ed il trasporto protetto per diversamente abili e anziani con l’obiettivo di garantirgli l’autonomia con un servizio a con mezzi di trasporto adeguati”. Nell’anno in corso saranno attivati i progetti “Il Caleidoscopio” (rivolto ai giovani tra gli 8 ed i 14 anni per incentivare attività nel tempo libero e nel periodo estivo) ed “Il Faro” (rivolto alle famiglie con minori per prevenire problematiche relazionali e di comportamento). “Abbiamo la necessità – prosegue Colarieti – di realizzare la casa famiglia per diversamente abili adulti in modo da fornire risposte alle diverse richieste che continuano a pervenire dalle famiglie. Per questo abbiamo chiesto ai residenti di devolvere il 5 per mille delle prossime dichiarazioni dei redditi al Comune di Anzio. Ad oggi l’unica risposta concreta che possiamo offrire per i disabili gravi è il centro diurno <La Girandola> che però non può più accogliere nessun utente, vista l’attuale ricettività massima”. Nel Centro “La Girandola”, aperto dal 2003 in via Casal di Claudia ad Anzio, sono ospitati dieci utenti, residenti ad Anzio e Nettuno, tra i 18 ed i 65 anni con patologie gravi, che vengono assistiti dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 15.30. L’attività dell’Assessorato alle politiche sociali del Comune di Anzio non è soltanto concentrata sull’importante ruolo di capofila di distretto per i piani di zona ma, quotidianamente, gli uffici rispondono ai bisogni dei cittadini. Nel 2008 sono stati erogati 168 contributi continuativi a famiglie disagiate per un importo complessivo pari a 90.000,00 euro, 14 contributi a ragazze madri per un importo pari a 14.000,00 euro e 16 contributi a nuclei familiari con orfani per un importo pari a 37.500,00 euro. Alle forme di assistenza economica comunale si affiancano gli interventi attuati dallo Stato come l’assegno di maternità (erogati 182 assegni nel 2008), per i nuclei con più di tre figli minori (153 nel 2008) e come il bonus regionale bebè di 500 euro per i nati nel 2008. Un altro impegno importante dell’Assessorato, delegato dallo Stato, è quello relativo alla raccolta delle richieste per avere la riduzione del costo dell’energia elettrica (bonus energia). Gli uffici sono attivi già da due mesi e fino ad oggi sono state accolte e lavorate oltre 440 istanze.

Anzio: Fenomeno randagismo.

A seguito del fenomeno del randagismo, nonché agli ultimi episodi a livello nazionale, il 15 aprile u.s. si sono riuniti presso l’Assessore Alle Politiche Ambientali del Comune di Anzio l’Assessore alle Politiche Ambientali Patrizio Placidi, l’Associazione Arcipelago 2000, le Guardie Zoofile Ecologiche Comunale, gli Ispettori Ecologici Onorari della Regione Lazio, il Circolo Anziate Guardie Zoofile e l’Associazione Armellino 92. Le Associazioni chiedono una maggiore attenzione su questo problema, proponendo all’Assessore quanto di seguito:

  1. dotare di un microcip i cani presenti nel canile;
  2. creazione di un’area di prima accoglienza;
  3. creare uno studio per la sterilizzazione dei cani, in quanto la ASL sono circa due anni che è assente;
  4. l’opera dei Volontari è forte, ma servirebbe una mappatura del territorio sul randagismo;
  5. redigere un Regolamento Comunale;
  6. istituzione di un Ufficio Tutela Animale;
  7. istituzione di due presidi Comunali uno per il pronto soccorso ed uno per la chirurgia.
L’Assessore Placidi nel prendere atto di tutte le richieste informa le Associazioni che sarà cura dello stesso informare l’Amministrazione Comunale sulle necessità di reperire quanto da loro richiesto e chiede, a tutte le Associazioni, di far rispettare l’Ordinanza Dirigenziale n. 19/Amb. del 09.04.2009 in particolare per quanto riguarda l’abbandono degli escrementi e l’iscrizione canina informando gli stessi che, a breve, verranno posizionati sul territorio comunale dei distributori contenenti palette e sacchetti per il ritiro delle deiezioni.

martedì 21 aprile 2009

Anzio vuole il porto.

“Dopo Fiumicino, Civitavecchia e Gaeta oggi scopriamo che anche Latina rientra nelle priorità regionali per quanto riguarda il potenziamento delle infrastrutture portuali dalle quali Anzio è stata estromessa. La Regione da un lato contrasta la realizzazione del nuovo porto pubblico di Anzio, che ha visto il progetto definitivo approvato da tutti gli Enti preposti, mentre dall’altro partecipa con tecnici, progettisti, direttori di dipartimento e due Assessori alla firma di un protocollo d’intesa teso alla realizzazione del Porto di Latina a Foceverde. Il tutto mentre il Presidente Marrazzo non risponde, ormai da anni, alle innumerevoli lettere del Comune di Anzio ed alle nostre sollecitazioni tese a fare in modo che venga affrontata, una volta per tutte, la problematica con la convocazione di un doveroso incontro istituzionale per arrivare al rilascio della concessione per la realizzazione del nuovo Porto di Anzio”. Lo ha affermato il Sindaco di Anzio in riferimento alla conferenza stampa tenuta a Latina dagli Assessori Regionali Astorre e Montino convocata per “ribadire la ferma volontà della Regione ad operare in favore dello sviluppo economico e turistico-ricettivo della Marina di Latina”.

Il sen. De Angelis sul porto di Anzio.

Era senza dubbio necessario l'intervento di dragaggio del canale di accesso del porto di Anzio e ringrazio la protezione civile per il finanziamento concesso, mentre per il ripascimento in corso sulla parte iniziale della riviera di Ponente assisteremo all'ennesimo spreco”. Il senatore del Pdl, Candido De Angelis, interviene riguardo ai lavori in corso al porto. Sulla situazione dell'insabbiamento del bacino di Anzio nonché di quelli di Fiumicino e Terracina aveva presentato anche un'interrogazione parlamentare data la difficile situazione che si era creata a causa del maltempo nei mesi scorsi. “L'attivazione della protezione civile e il coordinamento con gli enti locali ha consentito il dragaggio e l'utilizzo della sabbia solo in una zona spazzata dalle mareggiate, mentre altre per problemi tecnici non hanno avuto lo stesso trattamento. Non solo – aggiunge – l'intervento fatto oggi sarà reso vano alla prossima situazione di maltempo, come dimostra ciò che è avvenuto nel corso degli anni e che la Regione Lazio finge di non vedere. Il cosiddetto ripascimento morbido, come ebbi modo di sottolineare in più occasioni e anche con lettere ufficiali quando ero sindaco, non ha mai dato finora gli esiti sperati. Ad Anzio come altrove”. A proposito di Anzio, inoltre, De Angelis ricorda che il progetto denominato “Intervento a difesa del litorale e del bacino dell’antico porto neroniano” è ancora al palo. Si tratta di realizzare dighe che non solo consentono il ripascimento ma soprattutto la conservazione dei resti archeologici. “Ma il finanziamento del 2004, un milione di euro per la realizzazione di un primo stralcio, non è mai stato attivato dalla Regione e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Voglio ricordare che finora gli unici interventi che hanno funzionato riguardano le dighe all'altezza della Villa di Nerone fatte diversi anni fa. Mi chiedo perché di fronte a quell'esperienza positiva si continui a non intervenire anche altrove, avendo tra l'altro progetto e soldi. E' bene che i cittadini sappiano chi sta bloccando le barriere soffolte previste in quell'iniziativa, una Regione che risponde con l’ottusità alle esigenze del territorio ”.

Il 5 per mille per contribuire ai servizi sociali della Città di Anzio.

L’Amministrazione Comunale ha avviato la campagna informativa per sensibilizzare i contribuenti a donare la quota del 5 per mille dell’IRPEF, in occasione della prossima dichiarazione dei redditi, al Comune di Anzio che provvederà ad inserire il contributo in un apposito capitolo di Bilancio finalizzato alla realizzazione di una casa famiglia distrettuale per diversamente abili adulti. L’opportunità di contribuire alle attività sociali della propria Città è stata reintrodotta, dal Governo Berlusconi, nella “manovra d’estate” con l’obiettivo di finanziare l’assistenza agli anziani, ai diversamente abili e l’erogazione dei servizi all’infanzia. “Un piccolo gesto per realizzare, tutti insieme, un grande progetto – dice l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Anzio - come quello rappresentato dalla casa famiglia per i diversamente abili adulti del nostro territorio”. La scelta dei contribuenti di destinare il 5 per mille in favore del proprio Comune di residenza e quella dell’8 per mille a favore degli Enti Religiosi o dello Stato non sono, in alcun modo, alternative tra loro. Per destinare il 5 per mille al Comune di Anzio, in modo da realizzare la casa famiglia distrettuale per disabili adulti, è sufficiente trascrivere il Codice Fiscale dell’Ente 82005010580 nell’apposita casella all’interno della modulistica per la dichiarazione dei redditi. Sono stati invitati ad aderire all’iniziativa di devolvere il 5 per mille al Comune di Anzio i cittadini, le aziende, gli studi di commercialisti ed i CAF attivi sul territorio comunale.

LIBERTA’ E AZIONE PER I FRATELLI ABRUZZESI.


L’associazione culturale, terminata la prima raccolta, porta in Abruzzo il frutto della solidarietà del popolo di Anzio e Nettuno. E’ partito il primo camion sabato 18 aprile alle ore 4:30 da Anzio con destinazione Fossa (L’Aquila), gentilmente concesso da ECO IMBALLAGGI di Antonio Geracitano, guidato dai ragazzi di Libertà e Azione con la colonna mobile dei gruppi TN e T 27 – Protezione Civile di Anzio del Sig. Pollastrini, consegnando l’intero carico alimentare al centro logistico della Protezione Civile. Non potendo consegnare il carico di vestiti, poiché usati, ci siamo ingegnati per poter comunque sia adempiere alla nostra missione solidaristica. Abbiamo raggiunto il centro logistico di Boschetto di Pile, tenuto da Casa Pound e da altri ragazzi di area, che hanno preso il nostro carico per poi venderlo in un mercatino a Roma per reperire ulteriori fondi. Caricati altri beni per l’igiene della casa siamo poi giunti al Campo 3 in località Paganica dove siamo stati felici di conoscere la squadra di pallaovale de L’Aquila ed il coordinatore del campo Sergio Rotelli, dai quali siamo stati accolti in maniera encomiabile. Abbiamo visto un popolo orgoglioso, un popolo che nonostante la tragedia pensa a rialzarsi e non a lamentarsi. Libertà e Azione non terminerà il suo impegno nel dare una mano ai fratelli abruzzesi una volta che le telecamere si saranno spente. Un ringraziamento in particolare và a Riccardo Storti e Marcello Di Marco per l’impegno e la dedizione. Vi invito a seguire gli aggiornamenti dal nostro gruppo su facebook: Libertà e Azione.

Alessio Cortegiano

Sul porto di Anzio.

“Resto quanto mai perplesso che il Presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, accompagnato dagli Assessori Montino ed Astorre, si reca in visita alla Capitaneria di Porto di Roma ed ancora una volta, mentre afferma di voler incrementare l’offerta infrastrutturale dei porti della Lazio, dimentica di citare il progetto del porto pubblico della Città di Anzio approvato dall’ultima conferenza dei servizi ma che continua ad essere osteggiato dalla Regione Lazio”. Lo ha affermato il Sindaco di Anzio che ha replicato ad alcune affermazioni del Presidente della Regione espresse durante un incontro, nella sede della direzione marittima del Lazio, presso la Capitaneria di Porto di Roma a Fiumicino. “Si parla – prosegue il sindaco Bruschini - dei porti di Civitavecchia, Gaeta e di quello privato di Fiumicino, con le famose torri da realizzare su area demaniale, che viene considerato il più importante, frutto dei loro risultati, sul quale punteranno per sviluppare la portualità regionale e per soddisfare le esigenze commerciali, crocieristiche e di accoglienza passeggeri della nostra Regione. Si dimentica volutamente della Città di Anzio e di uno dei Porti più importanti del Tirreno, dei nostri cantieri, della nostra flotta peschereccia, della gloriosa storia della nostra Città che Nerone aveva scelto come Porto dei Romani ed soprattutto delle aspettative di tanti cittadini che, in tempi di crisi economica, vedono nella realizzazione del nuovo porto di Anzio una grande occasione di sviluppo occupazionale. E’ evidente che, rispetto alla portualità regionale, il Presidente Marrazzo adotta due pesi e due diverse unità di misura. Il Presidente Marrazzo, che non ha mai risposto a nessuna lettera del Comune di Anzio ed a nessuna nostra sollecitazione tesa a conoscere il suo pensiero sul nuovo Porto, – conclude il Sindaco di Anziodovrebbe almeno farsi promotore di convocare un doveroso incontro istituzionale in seguito allo sconcertante e pretestuoso parere espresso dalla Regione Lazio nella conferenza dei servizi che, comunque, ha approvato il progetto definitivo pubblico redatto dalla Capo d’Anzio Spa”.

lunedì 20 aprile 2009

Sei giornalisti canadesi in visita ad Anzio


“In questi giorni abbiamo definito un protocollo che prevede, ogni settimana, l’arrivo e la permanenza ad Anzio e Nettuno, per alcuni giorni, di gruppi provenienti dal Canada che visiteranno le bellezze del nostro territorio e della Capitale”. Lo ha detto l’Assessore alla cultura, sport e turismo, Umberto Succi, in riferimento all’incontro con sei giornalisti di importanti testate canadesi che sono ad Anzio per visitare la Città, il Parco Archeologico della Villa di Nerone, il Museo Civico Archeologico ed il Museo dello Sbarco degli Alleati. I giornalisti in visita ad Anzio sono Mary Nguyen (Travel Courrier and Canadian Travel Press), Patrick Dineen (Travel Week), Anita Draycott (Freelancer), Sam Ion (Freelancer), Michelle Pinard (Transat Holidays – Director of Marketing Ontario), e Valery Martin (Transat Holidays – National Marketing and Press Relations Manager).

domenica 19 aprile 2009

Anzio: 1° Raduno Ferrari.












Sabato 18 aprile la città di Anzio si è colorata di rosso grazie al 1° raduno delle Ferrari. Le rosse di Maranello sono giunte in Piazza Pia dove sono rimaste fino alle 13:00 a farsi ammirare e fotografare da una marea di appassionati e curiosi. Il sindaco Bruschini e l’assessore Succi hanno premiato i membri del Club Passione Rossa Italia. Durante la manifestazione di Piazza Pia sono stati raccolti fondi per i terremotati dell’Abruzzo e sono state ricordate le vittime del sisma con un minuto di silenzio. Le Ferrari, quindi, sono ripartite alla volta del ristorante “Boccuccia“ dove hanno sostato nel parcheggio loro riservato ed a disposizione per foto ricordo dei clienti e per un giro sulle “rosse”. Per quest’importante raduno, è doveroso ringraziare Mauro Boccuccia che ha organizzato l’evento in modo impeccabile, in collaborazione con il dottor Fabio Barone, presidente del Club Passione Rossa Italia, regalando alla città di Anzio emozioni inaspettate. Il Ristorante “Boccuccia” ha ospitato i membri del club offrendo loro un aperitivo all’aperto ed un pranzo a base di piatti della migliore cucina anziate, per terminare con una mega torta raffigurante una Ferrari. Gli apprezzamenti di Fabio Barone e dei membri del suo sodalizio per l’accoglienza ricevuta ad Anzio, da parte di Boccuccia, fanno sperare in un prossimo raduno ad Anzio nel 2010. Le Ferrari sono giunte ad Anzio da Roma, dai Castelli Romani, da Aprilia, Anzio e Nettuno. L’evento ha avuto il Patrocinio del Comune di Anzio. Un plauso a Mauro Boccuccia ed al dott. Barone da parte dei cittadini di Anzio e di quanti hanno potuto godersi uno spettacolo unico al mondo. Info: 0693930751 – 3394054558 – barone.f@passionerossaitalia.it.

video

venerdì 17 aprile 2009

VOLPI E CALDERINI CAMPIONI ITALIANI JUDO 2009


A salvare l’onore dell’Italia agli Europei di Judo Kata a Bucarest il 9 Maggio ci penserà Ubaldo Volpi e Maurizio Calderini, atleti e Maestri del “Kodokan Anzio -Eneas”, primi classificati ai campionati Italiani 2009 nella Forma denominata “Juno Kata”. Quinto titolo Italiano vinto consecutivamente dalla coppia Anziate che entra di diritto nella storia del Judo Italiano con un palmares di tutto rispetto. Al secondo posto si conferma la coppia Lombarda Sozzi-Frittoli, al terzo posto la coppia Piemontese, Saporito-Enriore. Nessuno si sarebbe aspettato una partecipazione tanto massiccia a questi campionati italiani con atleti italiani di spessore internazionale. Non dimentichiamo infatti che l’Italia del Judo “Kata” sta riscontrando un grosso successo internazionale mettendo in seria difficoltà anche gli atleti nipponici che da sempre dominano tutte gare.”E’ stato compiuto un grande passo avanti, ma non è certo la conquista del traguardo finale afferma Ubaldo Volpi. In altre parole, in attesa degli Europei di Bucarest, nonostante il titolo Italiano conquistato magnificamente, non bisogna adagiarsi sugli allori e dar fondo a tutto il meglio della volontà, della grinta e del bagaglio tecnico in nostro possesso per conquistare e riconfermarsi campioni d’Europa”. Agli Azzurri perciò il compito di buttarsi nell’agone Europeo con la preparazione giusta e nella assoluta convinzione di avere nel proprio arco le frecce giuste per centrare il bersaglio di una affermazione di prestigio Europeo ed di una sicura convocazione ai prossimi Mondiali.

martedì 14 aprile 2009

Anzio: Concerto di Pasqua.



Venerdì 3 Aprile , alle ore 18.30 nell’auditorium del Chris Cappell College di Anzio si è tenuto il 1° concerto di Pasqua realizzato dagli studenti della sezione sperimentale di musica con il supporto di alunni di altre sezioni e la partecipazione di alcuni alunni del liceo scientifico “Innocenzo XII”. I brani eseguiti hanno sviluppato una breve storia della musica: si è partiti dalla musica classica fino ad arrivare alla musica rock dei nostri giorni. Gli alunni si sono esibiti attraverso varie performance: Pianoforte solista, voce e pianoforte, duetti vocali con accompagnamento di chitarra ,brani strumentali con coreografia di danza,coro a cappella,gruppi strumentali. Questo concerto è stata un’esperienza unica ed emozionante perché ha visto per la prima volta tutti i ragazzi del liceo uniti e ha dato modo di far emergere talenti che fino ad oggi erano celati negli altri corsi. Durante lo svolgersi dell’incontro musicale si è potuto analizzare e scegliere 11 alunni più meritevoli, i quali verranno iscritti alla Prima Edizione del Festival della Musica Giovane che si terrà a Roma il 6 Giugno 2009. Il coordinamento e la regia del concerto sono stati curati dalla Professoressa di Musica, Paola Costantini.

La città di Anzio in Fantasia, il 18 aprile.


Il prossimo 18 aprile 2009 alle ore 17,00 è programmato nella città di Anzio un incontro sulla fantasia con Massimo Gerardo Carrese, fantasiologo, presso il Centro per la Formazione e la Ricerca in Via dei Lauri 9. La conferenza, organizzata dall’Associazione Culturale Artigongola di Caiazzo (Caserta) in collaborazione con il CFR di Anzio, è incentrata sul tema della fantasia vista nelle discipline umanistiche, scientifiche, ludiche e artistiche nonché in relazione al vivere quotidiano. A discuterne è Massimo Gerardo Carrese, studioso di fantasia, poeta onomaturgo, scrittore e musicista, che da diversi anni cura i suoi «incontri di fantasia» in tutta Italia e che per il 2009 ha organizzato le “Conversazioni sulla Fantasia”, presentate in diverse scuole e in recenti simposi in Sicilia, che ora approdano nella città di Anzio. Qui parlerà di fantasia spaziando tra temi che vanno dall’etimologia alla filosofia, dalla poesia e letteratura all’importanza del gioco, dai caratteri educativi, psicologici e scientifici dell’immaginazione alle curiosità linguistiche, musicali, artistiche, dal design, scienza, fiaba e favola all’assurdo e logica. Carrese è inventore di giochi fantasiologici, autore di poesie giottose e di testi conservati nei più autorevoli centri culturali del mondo. Scrive per la rivista nazionale «InArte» e per il mensile «Clarus»; è fondatore del movimento interdisciplinare “Il Panassurdismo” e membro dell’Accademia dei Ludogrammatici. Info: www.fantasiologo.com - Centro di Formazione e di Ricerca, Via dei Lauri 9, Anzio (Roma) - 18 aprile 2009, ore 17:00. Ingresso libero.

lunedì 13 aprile 2009

Anzio: Festa del Teatro, dal 18 al 19 aprile.


Anzio ospita la festa del teatro che si svolgerà dal 18 al 19 aprile, si tratta della seconda festa regionale del teatro F.I.T.A. Lazio. Lo scorso anno si è svolta a Capodimonte (Viterbo) e quest'anno la compagnia “Arte Povera” ha proposto la città neroniana come sede ed è stata accettata. Il fine settimana teatrale si svolgerà presso il Grand Hotel dei Cesari, Via Mantova 3, e saranno presenti numerose Compagnie F.I.T.A. provenienti da tutto il Lazio. Gli ospiti potranno partecipare ai laboratori su temi teatrali e, grazie al patrocinio ed alla collaborazione del Comune di Anzio, in particolare all'Assessorato alla Cultura nella persona dell'Assessore Umberto Succi, parte dei partecipanti potrà visitare, con guide al seguito, la Villa di Nerone, il Museo Archeologico, il Museo dello Sbarco, il parco naturale di Tor Caldara. Durante la festa sarà allestita una mostra di foto di scena, locandine ed oggetti di scena; la sera del sabato saranno premiate quelle migliori. La festa è aperta a tutti quelli che vogliono conoscere questa realtà e sono incuriositi dal mondo del teatro amatoriale, nello stesso tempo i vari partecipanti, provenienti da tutto il Lazio, avranno modo di conoscere le bellezze di Anzio. Alcune compagnie teatrali, pur non facendo parte della F.I.T.A. (Federazione Italiana Teatro Amatori), sono state invitate a partecipare. Info: artepovera@alice.it - artepovera@teatroterradienea.it – 06987901 – 3475912752.

domenica 12 aprile 2009

La Via Dolorosa ad Anzio.












La Via Crucis (dal latino, Via della Croce - anche detta Via Dolorosa) è un rito cristiano, della Chiesa cattolica e della Chiesa anglicana, con cui si ricostruisce e commemora il percorso doloroso di Cristo che si avvia alla crocifissione sul Golgota. Alcuni fanno risalire la storia di questa devozione alle visite di Maria, madre di Gesù, presso i luoghi della Passione a Gerusalemme, ma la maggior parte degli storici riconosce l'inizio della specifica devozione a Francesco d'Assisi o alla tradizione francescana. Originariamente la vera Via Crucis comportava la necessità di recarsi materialmente in visita pressi i luoghi dove Gesù aveva sofferto ed era stato messo a morte. Un tale pellegrinaggio era impossibile per molti quindi la rappresentazione delle stazioni nelle chiese rappresentò un modo di portare idealmente a Gerusalemme ciascun credente. Le rappresentazioni dei vari episodi dolorosi accaduti lungo il percorso contribuivano a coinvolgere gli spettatori con una forte carica emotiva. Oggi tutte le chiese cattoliche hanno una "via dolorosa", o almeno di una sequenza murale interna.

Le Stazioni della Via Crucis che sono arrivate a noi come tradizionali sono le seguenti:

  • Gesù è condannato a morte;
  • Gesù è caricato della croce;
  • Gesù cade per la prima volta;
  • Gesù incontra sua Madre;
  • Simone di Cirene porta la croce di Gesù;
  • La Veronica asciuga il volto di Gesù;
  • Gesù cade per la seconda volta;
  • Gesù ammonisce le donne di Gerusalemme;
  • Gesù cade per la terza volta;
  • Gesù è spogliato delle vesti ed abbeverato di aceto e fiele;
  • Gesù è inchiodato sulla croce;
  • Gesù muore sulla croce;
  • Gesù è deposto dalla croce;
  • Il corpo di Gesù è deposto nel sepolcro.

Varie di queste stazioni corrispondono ad episodi evangelici. Altre, come le cadute di Gesù e l'incontro con la madre, sono state introdotte dalla devozione popolare. La stazione della Veronica è legata, secondo una tradizione, al telo in cui è stata conservata l'immagine del volto sfigurato di Gesù. Tutto ciò è stato rappresentato ad Anzio, nel quartiere del Sacro Cuore-Colonia con un’emozionante cerimonia religiosa che ha toccato le vie della parrocchia a cui hanno partecipato numerosi fedeli per terminare con la crocifissione di Cristo, la deposizione nel sepolcro e la resurrezione. Don Salvatore ha lanciato l'idea che la preghiera cristiana nella contemplazione della passione non può fermarsi alla morte, ma deve guardare al di là, allo sbocco di cui i Vangeli ci parlano, alla risurrezione, invitando i fedeli alla riflessione, alla preghiera, in maniera che la Via Crucis rimanga una meditazione della passione.

giovedì 9 aprile 2009

“Il Grand Tour a Roma e dintorni” ad Anzio fino al 19 aprile.



Rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 19 aprile, all’interno della Sala delle Conchiglie di Villa Adele – Museo Civico Archeologico, la mostra “Il Grand Tour a Roma e dintorni” inaugurata dal Sindaco di Anzio, dall’Assessore alla Cultura, Umberto Succi e dal professor Clemente Marigliani che ha curato, per conto del Comune, l’importante iniziativa culturale che ha riscosso la presenza di numerosi visitatori. Nella Sala delle Conchiglie sono esposte le tele, di grande valore, che ricollegano il viaggio che, a partire dal Seicento sino ai nostri giorni, continuamente hanno portato viaggiatori, turisti, artisti e scrittori visitare e soggiornare presso i luoghi intorno a Roma come il litorale ed i Castelli Romani. Nella Sala delle Conchiglie cittadini e turisti possono ammirare le tele che provengono dalla collezione di Palazzo Chigi - Ariccia donate da Fabrizio, Giuliano ed Ilaria Lemme e riguardano maestri quali: Francesco Fernandi detto “L’Imperiali” (1697-1740) Francesco Mancini (1697-1758), Antonio David (1680-1737) e Ermenegildo Costantini (1731-1791). Inoltre saranno esposti quadri provenienti da collezioni private con opere di pittori quali: Gaspare Van Wittel (1652 ca.-1736), Roberto Hubert (1733-1808), Augusto Enrico iedel (1799-1883), Rodolfo Augusto Guglielmo Lehmann (1819-1905), Camillo Saglio (1804-1889) e tanti altri noti artisti. La mostra sarà aperta al pubblico, dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 18.00. Per informazioni Assessorato alla Cultura 0698499472/473. “Con la mostra – ha scritto il Sindaco di Anzio, nella presentazione della Mostra intendiamo continuare a proporre la politica turistico-culturale intrapresa con gli eventi a carattere archeologico come , , . L’organizzazione di questa mostra è stata resa possibile, oltre che dalle ricerche del prof. Marigliani, dalla cortese disponibilità del Museo del Barocco Romano di Palazzo Chigi di Ariccia anche dalla gentilezza di numerosi collezionisti privati che, con i loro prestiti, hanno consentito la realizzazione dell’evento”. Già dal Medioevo l’Italia era attraversata da pellegrini che avevano come meta prediletta la città di Roma. I Mirabilia urbis costituiscono il primordiale tentativo di rappresentare la topografia di Roma. A partire dalla seconda metà del Cinquecento con un viaggiatore d’eccezione quale Michel de Montainge i contenuti del viaggio rivestivano un carattere di approfondimento e di conoscenza in cui «l’anima vi si esercita continuamente a notare le cose sconosciute e nuove». A partire da quel momento, in misura crescente durante il Seicento, ma soprattutto il Settecento e la prima metà dell’Ottocento, il viaggio a Roma e dintorni assume un valore alto per la cultura, valore per il quale si accettavano anche i rischi e le scomodità che a quel tempo comportava il viaggiare. “Oltre che numerosi oli, molti dei quali inediti, sarà esposta – dice il professor Marigliani - anche una straordinaria selezione di incisioni di grandi autori quali: Giovanni Battista Falda (1643-1678), Giuseppe Vasi (1720-1782), Giovanni Battista Piranesi (1720-1778), Paolo Sandby (1725-1809) e Giorgio Abramo Hackert (1737-1807). L’ultima sezione della mostra contiene una rappresentanza di oli dei XXV della Campagna Romana e le prime romantiche foto della Campagna, ultima testimonianza di un mondo che scompariva”.