domenica 25 gennaio 2015

BIRMANIA: INAUGURATA LA CLINICA “NETTUNIA” COSTRUITA GRAZIE ALL’IMPEGNO DELL’ASSOCIAZIONE SLEIPNIR DI ANZIO.




E’ stata inaugurata la scorsa settimana a Mu Aye Pu in Birmania la clinica “Nettunia” costruita con i proventi della mostra fotografica “Kawthoolei: scatti in zone di guerra nella Birmania Orientale” di Fabio Polese organizzata dall'Associazione di Promozione Sociale Sleipnir lo scorso dicembre 2013 presso l'Osteria Controcorrente di Pasquale e Chiara di Anzio. "La clinica - spiega il Presidente della Comunità Solidarista Popoli Onlus Franco Nerozzi - serve un ampio bacino d’utenza in un’area che è stata invasa dall'esercito birmano nel 2009. Riconquistata dalle forze Karen, la regione richiedeva di una nuova struttura, poiché la precedente era stata saccheggiata e poi lasciata andare in rovina. Ringraziamo - continua Nerozzi - l’Associazione Sleipnir, il dottor Rodolfo Turano, l’Osteria Controcorrente e tutti gli amici che hanno contribuito all'iniziativa che ha portato alla raccolta dei fondi indispensabili alla realizzazione della clinica. Un ringraziamento va anche al reporter Fabio Polese che ha esposto le sue foto sul popolo Karen nell'ambito della stessa iniziativa. Nonostante il difficile momento economico - termina Nerozzi - la Comunità Solidarista Popoli riesce, grazie al sacrificio e alla generosità di molti amici, a mantenere gli impegni assunti con i Karen e con i Palestinesi. Nel solco degli insegnamenti di Carlo Terracciano". Per informazioni è possibile seguire la pagina Facebook "Associazione Sleipnir" o consultare il sito www.associazionesleipnir.blogspot.it

giovedì 22 gennaio 2015

Lidia, cento anni e non sentirli: Gli auguri della Città di Anzio.



Alle ore 10 del 21 gennaio, presso il salone dedicato alle visite della Clinica dei Pini di Anzio è stato festeggiato il compleanno della signora Lidia, alla presenza degli ospiti della RSA, del personale del reparto e dei familiari della signora; ospite d’onore l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Anzio che ha presentato gli auguri del Sindaco e dell’intera città di Anzio ed ha soffiato con la signora le 100 candeline: Una festa a sorpresa organizzata con la complicità del personale medico ed ausiliario della Clinica, allestita con palloncini, decori e cappellini colorati e che ha visto condividere un momento di gioia tra i presenti, nel segno di un sereno spirito di convivenza. “Mi sono emozionata, ha confidato l’assessore, quando ho visto questa nonnina con i capelli bianchi da fata turchina sorpresa per tanta attenzione intorno a lei. L’entusiasmo del personale, degli amici, della famiglia l’hanno fatta sentire una principessa, come è giusto che sia! Un momento veramente emozionante che mi auguro possano vivere tanti altri anziani della nostra città”. Toccante è stato l’intervento del nipote, Gaspare Ciliberti, che ha dedicato bellissime parole alla zia, da lei seguite grande lucidità. “La signora Lidia - ha precisato la dott.sa Stefania Cioschi responsabile del reparto della RSA -  presenta un’età psicofisica di 80 – 85 anni. E’ nostra ospite da circa 10 mesi, è una signora vivace che partecipa attentamente alle attività quotidiane; certamente il deambulatore e qualche difficoltà d’udito le fanno compagnia, ma ciò non ha offeso il suo modo di essere e non ha limitato il desiderio di trascorrere le giornate con gli altri ospiti. Il suo sguardo vispo e la viva presenza sono la prova di come si può affrontare in serenità l’avanzamento dell’età”. Un messaggio importante, quello della dottoressa, che dovrebbe essere recepito dai tanti anziani e dai loro familiari, come monito alla vita; si osserva spesso la tendenza ad  isolare l’anziano e considerarlo malato, quando invece bisognerebbe trarre dal suo trascorso i saggi consigli per vivere meglio ed  in salute. “L’esperienza d’oggi, ha aggiunto l’assessore, mi ha indotto a fare una piccola indagine. Grazie alla responsabile della Statistica Demografica del Comune di Anzio, la dott.sa Daniela Calicchia, ho appreso con stupore che nel nostro territorio risiedono 69 anziani (oltre i 95 anni)  distinti tra 16 uomini e 53 donne: Un dato interessante che deve farci riflettere sia sul loro stile di vita che sulla tendenza della donna a resistere alle difficoltà ed alle malattie dell’invecchiamento. Verificando poi gli anziani con 100 anni ed oltre ne risultano presenti complessivamente 14 di cui 2 uomini e  12 donne; abbiamo anche la presenza di una signora di 104 anni”. Sarà per l’aria buona del litorale laziale, per la cucina, per un sano “modus vivendi” che oggi abbiamo l’onore di ospitare tanti anziani vantando percentuali importanti rispetto alla media italiana. Dati confortevoli che portano alla luce una ricca testimonianza di storia italiana, d’esperienze di vita, due guerre mondiali ma soprattutto, un grande insegnamento: l’età non è quella anagrafica, ma la vera giovinezza alberga nell’anima.

71° dello Sbarco di Anzio: In Piazza Garibaldi celebrazione all'insegna della Libertà.






"I Cimiteri di Guerra, dove sono sepolti gli eroi di quegli anni drammatici, che abbiamo onorato in questi giorni, sono la più tangibile testimonianza di quanto è costata la conquista della libertà e della democrazia. La strage terroristica di Parigi, in un attimo, ha come offuscato tutte queste conquiste, insieme all’estremo sacrificio dei nostri Padri e dei circa 70.000 uomini che hanno perso la vita nella Battaglia di Anzio. on condivido ciò che dici, ma sono pronto a sacrificare la vita affinché tu possa dirlo> è una nobile citazione, di volterriana memoria, che abbiamo voluto evidenziare in questo 71° Anniversario dello Sbarco, alla quale ci siamo sempre ispirati nel nostro impegno civile che è un principio fondamentale della nostra democrazia compiuta. Si può essere in disaccordo con quello che si scrive, si può criticare anche aspramente, ma nessuno può essere assassinato per il suo pensiero".
Lo ha affermato il Sindaco di Anzio, in apertura del suo intervento pronunciato in Piazza Garibaldi in occasione delle Celebrazioni, per il 71° Anniversario dello Sbarco di Anzio, che hanno posto un particolare accento ai fatti di Parigi ed al valore della Libertà. "Con orgoglio ricordo - ha proseguito il Sindaco - che, dallo scorso 18 febbraio, il poeta britannico, Roger Waters, è cittadino onorario di Anzio, in onore di suo padre morto e disperso, nelle campagne di Aprilia, in seguito allo sbarco. In questa pagina buia della nostra storia ci devono far riflettere le parole di Waters, quando dice: . "Oggi la nostra Città - ha continuato il Sindaco di Anzio - si sente vicina al popolo francese, abbiamo ascoltato le note della Marsigliese, la Bandiera francese sventola insieme alle Bandiere di Anzio, dell’Italia, dell’Europa, degli Stati Uniti, della Gran Bretagna, del Canada e della Germania, all’insegna dei valori di pace, libertà, democrazia e fratellanza tra i popoli; tra tutti i popoli del mondo! Dobbiamo sempre mantenere viva la memoria, su quello che siamo stati, per guardare con ottimismo al futuro. E’ un dovere che anche i nostri figli ed i nipoti devono sempre sentire verso quei tanti ragazzi venuti a morire su questi  territori per la nostra libertà. La Città di Anzio li ricorderà per sempre, con immensa gratitudine". In Piazza Garibaldi è intervenuto il Governo Italiano con il Sottosegretario agli Esteri, sen. Benedetto Della Vedova, che insieme alla Corale Polifonica ha intonato le note di "Another brick in the wall" di Roger Waters, cittadino onorario di Anzio dal 18 febbraio 2014. Il sottosegretario Della Vedova, nel suo intervento, si è complimentato con la Città di Anzio per la scelta di fare riferimento, anche suonando l'inno francese, alla strage di Parigi ed ha posto l'accento sull'esigenza di una risposta politica dell'Europa al terrorismo. Alle Celebrazioni sono intervenuti numerosi Sindaci, i Rappresentanti delle Ambasciate di Francia, Stati Uniti e Gran Bretagna, l'Assessore Regionale, Concettina Ciminiello ed alcuni familiari di reduci dello Sbarco di Anzio. Durante la cerimonia padre Francesco Trani, della Parrocchia Santi Pio e Antonio,   ha benedetto la Stele al Monumento ai Caduti che riporta la scritta “Anzio in memoria dei suoi figli caduti in guerra e di tutti i Dispersi”, dove sono stati aggiunti tre nomi di cittadini di Anzio Caduti in seguito allo Sbarco e durante la seconda guerra mondiale. Subito dopo la benedizione, la banda e la corale, per la prima volta insieme, hanno intonato le note della canzone "Angelita di Anzio" che ha riscosso l'apprezzamento di tutti i presenti così come l'esecuzione della Marsigliese in ricordo delle vittime di Parigi.

Resoconto di un anno della corale polifonica.


La Corale Polifonica Città di Anzio ha visto nel 2014 moltiplicarsi gli eventi, i luoghi, le esperienze, in un coloratissimo e variegato caleidoscopio in cui è stata protagonista di spettacoli e di occasioni musicali importanti e coinvolgenti, a  partire dall’emozionante e commosso incontro con Roger Waters a Villa Sarsina, ai teatri romani Argentina e Olimpico, alle esibizioni canore nella Cattedrale di Orvieto, nella Basilica Papale di S. Paolo e nel Santuario del Divino Amore a Roma, alla partecipazione al Festival coristico internazionale a Montecatini Terme, con repertori sempre diversi, accomunati da quell’entusiasmo e da quel sentimento che la musica suscita e sviluppa in chi la coltivi con passione e continuità, crescendo in capacità esecutiva e sensibilità artistica. Pur aprendosi continuamente al nuovo ed accettando collaborazioni ed occasioni tanto diverse, la Corale ha mantenuto saldo il suo naturale rapporto con il territorio che l’ha vista nascere, nella consapevolezza di rappresentare e di farsi interprete della cultura anziate. Grazie all’impegno costante e alla bravura dei Maestri David Masci e Michele Zanoni, della prof.ssa pianista Corinna Pollastrini, dei solisti, dei coristi e dell’apporto organizzativo, relazionale e sempre creativo della presidente Tina Bellobono; i risultati ottenuti sono stati confermati dall’accoglienza di un pubblico sempre più numeroso ed entusiasta.

lunedì 19 gennaio 2015

71° anniversario dello Sbarco ad Anzio: Inaugurata la mostra “Bandiere sul mare”.




E’ stata inaugurata stamani presso la sede dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Anzio la mostra denominata “Bandiere sul MARE”, ormai giunta alla sua 7^ edizione. Tra le Autorità presenti all’inaugurazione, ricevute dal Tenente di Vascello (CP) Luigi VINCENTI, il Vice Sindaco di Anzio, l’Assessore De Micheli del Comune di Nettuno e numerose Autorità militari e civili, locali associazioni combattentistiche e d’arma e della Croce Rossa. L’evento, inserito nel folto programma degli eventi celebrativi organizzati per la ricorrenza del 71° anniversario dello sbarco di Anzio-Nettuno, è stato organizzato, come nelle precedenti edizioni, dall’Associazione “Warriors at Anzio” rappresentata da Sisto Orlandini e Giuseppe Tulli che, anche quest’anno, hanno messo a disposizione del nutrito pubblico reperti inediti, tra i quali, anche la divisa del Maggiore Generale di Porto, Ubaldo Diciotto, al quale è oggi dedicata una classe dei pattugliatori d’altura del Corpo delle Capitanerie di Porto. Come ha ricordato nel suo saluto di benvenuto il Comandante Vincenti, la mostra ha lo scopo di far conoscere anche verso le future generazioni quello che questi territori hanno affrontato durante il periodo bellico, per mantenere viva la memoria di simili avvenimenti e proprio in tale senso, la mostra sarà visitata nei prossimi giorni dagli studenti dei locali istituti scolastici che hanno aderito all’invito del Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Anzio. E’ stata poi la volta dei ringraziamenti, rivolti ai rappresentanti delle Civiche Amministrazioni di Anzio e Nettuno, alle Forze dell’ordine presenti, ai gentili ospiti ed al personale militare dipendente che ha dedicato tempo ed energie per organizzare l’evento ed allestire la sala. Il Vice Sindaco di Anzio, dopo essersi complimentato con gli organizzatori per la cura dei dettagli e per il valoro storico e culturale dell’iniziativa ha quindi sottolineato l’importanza di tale iniziativa, con l’auspicio che la stessa si possa rinnovare anche nei prossimi anni, ringraziando il Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Anzio per aver voluto mantenere vivo questo momento e per la collaborazione con la Civica Amministrazione. Anche l’assessore De Micheli, del Comune di Nettuno, intervenuto in rappresentanza del sindaco Chiavetta, ha tenuto a rimarcare, nel suo intervento, l’importanza di simili iniziative soprattutto a favore dei più giovani, sottolineandone l’importantissimo contributo affinché la memoria e l’esempio di coloro i quali hanno dato la loro vita nell’adempimento della loro missione non sia dimenticato. Pino Tulli ha quindi illustrato ai presenti le novità della mostra rispetto alle passate edizioni, soffermandosi sulla storia di alcune delle uniformi e dei reperti esposti al pubblico, ottenuti con tanta fatica nel corso degli anni e che nel tempo hanno ampliato la collezione dell’associazione “Warriors at Anzio”. Ad accogliere le autorità ed i gentili ospiti, oltre ai militari del Circomare Neroniano, anche gli studenti dei settori “ricevimento” e “sala” dell’Istituto Alberghiero “Gavio Apicio” di Anzio, diretto dalla dott.sa Antonella Mosca, che da ormai tre anni collaborano proficuamente, per l’occasione, con l’Ufficio Circondariale Marittimo di Anzio. Nei prossimi giorni e fino al prossimo 25 gennaio la mostra resterà aperta e l’ingresso per i visitatori sarà libero nei seguenti orari dalle ore 09 alle 12 e dalle 15 alle 18.

martedì 13 gennaio 2015

Anno Innocenziano 2015: La delegazione della Città di Anzio ricevuta al Comune di Spinazzola.



Per commemorare, durante tutto il 2015, i 400 anni dalla nascita di Papa Innocenzo XII che molto si era adoperato affinché la Città di Anzio si sviluppasse economicamente, culturalmente e socialmente (con la realizzazione dell'attuale Porto Innocenziano, del "Fontanone" poi andato distrutto, della Cappella dedicata a S. Antonio da Padova, anch’essa andata distrutta e con il tracciato di quella che oggi è la strada Nettunense che termina ad Anzio), una delegazione anziate, guidata da Padre Francesco Trani e dal Consigliere Comunale, Fontana, delegata dal Sindaco, si è recata in visita ufficiale a Spinazzola (Barletta-Andria-Trani), città natale di Papa Pignatelli, per pianificare un programma comune per onorare al meglio Papa Innocenzo XII ed il quattrocentesimo anniversario della sua nascita. L'incontro tra le città di Anzio e di Spinazzola segue una lettera che il Sindaco di Anzio, aveva inviato nei mesi scorsi al Sindaco della città pugliese, con l'intento d'avviare una rapporto di collaborazione in occasione del 400° anniversario della nascita di Papa Innocenzo XII. La delegazione, della quale hanno fatto parte anche i rappresentanti dell’Associazione “Palio del Mare”, ha tenuto un incontro operativo con il sindaco di Spinazzola, Nicola De Tullio, con l’Assessore alla Cultura, Giuseppe Blasi e con il Presidente del Comitato Organizzatore dell’Anno Innocenziano; Antonio Amendola, in un clima familiare e di reciproca collaborazione che ha portato alla definizione di un programma di lavoro. La delegazione Anziate ha donato a quella di Spinazzola diverse pubblicazioni sulla storia e sulle tradizioni di Anzio, ricevendo in cambio altrettanti volumi sulla storia della città pugliese, cartoline dei suoi scorci suggestivi e una pubblicazione con i disegni ed i dipinti realizzati dagli alunni delle scuole di Spinazzola proprio sul tema di "Papa Innocenzo XII". "Durante l'incontro - afferma il Consigliere Comunale, Fontana -, su indicazione del nostro sindaco, abbiamo avviato i primi passi per la definizione di un rapporto di gemellaggio tra le nostre Città in onore di Papa Innocenzo XII, nativo di Spinazzola, al quale la Città di Anzio deve moltissimo per l'importante opera di ricostruzione del centro storico e dell'attuale Porto. E' intenzione dell'Amministrazione, nel corso dell'anno, realizzare un monumento bronzeo, dedicato al sommo Pontefice, che sarà posizionato nel centro cittadino". Della delegazione anziate hanno fatto parte Trinci e Blasi per la Parrocchia Madre di Anzio, De Luca e Toti per l’Associazione Palio del Mare. Tutti assieme, terminata la riunione, hanno poi fatto visita al Principe, Marzio Pignatelli, che ha assunto l'impegno di mettere a disposizione parte della sua collezione privata su Papa Innocenzo XII. La delegazione, insieme al Sindaco di Spinazzola ed al Parroco Don Michele, ha visitato la Città di Spinazzola per ammirarne la bellezza dei suoi scorci e l’arte delle chiese.

venerdì 9 gennaio 2015

Anzio: Settima edizione di “Bandiere sul mare”, 19-25/1/15.



E’ ormai arrivata alla sua 7ª edizione la mostra “BANDIERE SUL MARE”, organizzata in occasione della ricorrenza del 71° Anniversario dello sbarco, questa volta dedicata al tema "Dalle spiagge di Anzio e Nettuno a quelle di Iwo Jima e Okinawa”. L’inaugurazione dell’evento, inserito nel programma ufficiale delle Celebrazioni per il 71° Anniversario dello Sbarco di Anzio,  si terrà lunedì 19 gennaio alle ore 11 presso la sede del locale Ufficio Circondariale Marittimo - Guardia Costiera di Anzio. Tutto pronto quindi per il taglio del nastro, che avverrà alla presenza del Comandante del Porto di Anzio, T.V. (CP), Luigi Vincenti, del Sindaco di Anzio, del sindaco di Nettuno, Alessio Chiavetta e delle numerose Autorità civili, militari e religiose che saranno presenti per l’occasione: Uniformi, cimeli e documenti del periodo bellico, rigorosamente originali, per la maggior parte appartenuti proprio ai veterani, saranno esposti fino al 25 gennaio 2015, giorno della rievocazione dello Sbarco degli Alleati e della sfilata dei mezzi militari in molti quartieri anziati.  L’iniziativa è organizzata, come nelle precedenti edizioni, dall'Associazione Warriors at Anzio”, rappresentata da Sisto Orlandini e Giuseppe Tulli in collaborazione con  l’Ufficio Circondariale Marittimo di Anzio il cui comandante, T.V. (CP) Luigi Vincenti si è avvalso della preziosa collaborazione del Luogotenente Domenico Tenace. "La mostra - dicono i due organizzatori - prende in esame il periodo 1944-1945 e illustra, oltre alla guerra sul nostro territorio, anche i teatri di guerra della Francia, con alcune uniformi e foto del D-Day, e quello del Pacifico, con le divise americane e giapponesi dell’assalto statunitense alle prime isole del territorio nipponico". L’ingresso alla mostra sarà libero con orari di visita dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 18 fino al 25 gennaio 2015.